INFORMAZIONI TECNICHE

Riparare gli alimentatori ?
Il fusibile


E' bruciato il fusibile ....

Innanzitutto una decisa reprimenda :

NON C'E' NIENTE DI PIU' IDIOTA che aprire l' alimentatore per 
"vedere se è bruciato il fusibile" !!!!

E anche quando avete aperto l'alimentatore e rilevato che il fusibile è fuso, avete capacità, attrezzatura e parti di ricambio per smontare il circuito stampato, dissaldare il fusibile (eh si, perchè è saldato !) e risaldarne uno nuovo ?????

Avete la competenza necessaria per intervenire su un circuito di questa complessità ?
Se avete aperto l' alimentatore "per vedere se il fusibile è bruciato" la risposta è NO.

Nel senso che non avete la minima idea di quello che state facendo !
 Lasciate stare e fate qualcos'altro di più sensato !

Avete gli strumenti adeguati per una riparazione ? Avete il know how necessario ? Avete lo schema dell' apparecchiatura o almeno una buona idea di come è costruita ? Avete il tempo per effettuare la riparazione ? Potete procurarvi le parti di ricambio ?
Se non avete anche solo una di queste cose, lasciate stare e fate qualcos'altro di più sensato !

In effetti, non è del tutto vero che TUTTI gli alimentatori PC hanno il fusibile saldato. Capitano anche apparecchi che utilizzano un porta fusibile, anche se non abbastanza rare.

Nella foto il particolare del fusibile estraibile installato sull' alimentatore professionale già visto in precedenza. Da notare che si tratta di un fusibile professionale riempito di sabbia silicea anti arco e non del solito elemento in aria a basso prezzo.

Peccato che il fusibile sia posto in una posizione tale da richiedere lo smontaggio del circuito stampato superiore per potervi accedere ! 

Comunque :

  1. Sul corpo dell' alimentatore, anche se normalmente in inglese e in tedesco, c'è una chiara scritta che indica il pericolo che si corre ad aprire la scatola e intervenire sul circuito. Ma questo di solito è poco significativo perchè leggere le targhette sugli apparati è un plus inutile.
     
  2. Più pressante dovrebbe essere la nozione che  
    l' apertura dell' alimentatore è la motivazione essenziale per vedersi annullata qualsiasi garanzia dal costruttore
    .

    E, se non basta quanto sopra :
  3. Il fusibile dell' alimentatore NON ha lo scopo di proteggere i componenti elettronici , ma quello di proteggere l' Utente dalla possibile esplosione o incendio di parti dell' alimentatore !
    Il fusibile ha un tempo di intervento talmente lungo da permettere a transistor e diodi di passare a miglior vita prima ancora di aver iniziato le operazioni per fondersi.


Il fusibile normalmente si interrompe quando c'è stata una grave sovracorrente, dovuta al precedente guasto di qualche altra parte  

Normalmente il fusibile non brucia a causa di un sovraccarico sulle tensioni in uscita. Per evitare questo un alimentatore "normale" dispone di sistemi di protezione elettronici per sovraccarichi (sovracorrente), sovra potenza, ecc.
Questi intervengono immediatamente e bloccano lo switch primario.

In un amplificatore audio o in un utensile il fusibile può essere stato calibrato per intervenire a seguito di una sovra potenza richiesta all' apparecchio.
Negli alimentatori PC il fusibile brucia essenzialmente se è andato in corto circuito qualche componente sull' oscillatore primario (transistor, diodi), se ha ceduto l' isolamento dei condensatori, se è andata in corto un avvolgimento, insomma un guasto che ha prodotto una extra corrente assai intensa. O per un guasto ai sistemi di protezione prima indicati:
per esperienza diretta, se il fusibile si è "fuso" c' è un componente che, defungendo, ha causato il problema.

E' certo possibile che il fusibile bruci a causa di prolungato sovraccarico, ma questo è poco probabile in quanto, se esistono protezioni per la sovra potenza o la sovra temperatura, queste intervengono (o almeno dovrebbero) e se non ci sono è più probabile che ceda prima un qualche componente e poi di conseguenza il fusibile (e, comunque, se non ci sono protezioni di sovra corrente o sovrapotenza, che cavolo ve ne fate di un "alimentatore" simile ? Volete pure ripararlo ?).

Per questo motivo il fusibile NON è una parte che l' Utente qualsiasi può cambiare; proprio per questo nella maggior parte dei casi non è montato in un portafusibile, ma è saldato sul circuito stampato: 

il fusibile è l' ultima parte da cambiare dopo aver eliminato il guasto che ne ha causata la fusione.

Quindi, anche una volta che avete aperto la scatola e rilevato che il fusibile è bruciato, senza attrezzatura e competenza NON POTETE FARCI NIENTE !!!   
Se non richiudere il tutto. Ma se avete rotto il sigillo di garanzia, col kaiser che l' alimentatore vi verrà sostituito !

Inoltre è più che comune che l' alimentatore si guasti SENZA che questo provochi l'interruzione del fusibile !

Ad esempio può interrompersi un diodo sul secondario oppure il generatore della Vstby o l' integrato di regolazione principale o una qualsiasi altra parte la cui morte corrisponde ad un blocco dell' oscillazione dello switch primario o a problemi sulle tensioni di uscita, senza produrre una sovracorrente tale da far intervenire il fusibile.

Un esempio in altro campo: una lampadina può benissimo interrompersi senza che scatti per questo l' interruttore generale !!! 

In Laboratorio sono passati numerosissimi alimentatori non funzionanti in cui il fusibile era perfettamente integro .

Si legge, poi, che, individuato il fusibile bruciato, ma non osservando alcun componente "rotto o bruciato" si può provare a sostituire questo fusibile. E' opportuno considerare che, anche se sostituite il fusibile, solitamente il risultato è un bel botto, perchè non avete eliminato la causa del guasto e il ripetersi della sovracorrente può avere il risultato di danneggiare ancora più parti. Se poi il fusibile è stato sostituito con altro di caratteristiche differenti, si può rischiare veramente grosso.

Ma non vedo alcun componente "guasto"? Questa è un tipico appunto che si sente troppo spesso: dovrebbe essere chiaro che i componenti elettronici possono guastarsi senza per questo avere luci lampeggianti o bandierine o aree fumanti che segnalino l' evento. Certamente se il guasto è grave, si vedranno tracce del botto, ma non queste non sono indispensabili, anche perchè possono sfuggire ad un esame superficiale. E, se si vedono chiaramente aree del circuito carbonizzate, una riparazione raramente è sensata.

Dunque ci sono tre possibilità :

  1. il fusibile è bruciato a causa di un componente guasto e questo componente, a seguito dell' extra corrente, si è interrotto : la sostituzione del fusibile non produce alcun risultato
  2. il fusibile è bruciato a causa di un componente guasto e questo componente è in corto circuito. Il fusibile sostituito avrà vita di qualche decimo di secondo, giusto per fare una bella fiammata con botto . Spettacolare !
  3. il fusibile è bruciato a causa di un sovraccarico prolungato o dell' entrata in funzione delle protezioni da sovratensione (VDR, condensatori auto cicatrizzanti). In questo solo caso teorico la sostituzione del fusibile riporta in funzione l' alimentatore, ma la sua probabilità è molto remota. Inoltre, non avendo rimosso la causa dell' intervento del fusibile, ci si può aspettare una nuova ricaduta.

Tenete presente che l' alimentatore del PC preleva la sua energia direttamente dalla rete e tra lo switch primario e la rete non è interposto alcun sistema di limitazione della potenza istantanea, come ad esempio si avrebbe se ci fosse un  trasformatore con la sua impedenza. La rete ha a disposizione energie di molti kilojoule e mentre il fusibile fonde, altri componenti hanno tutto l' agio di fare lo stesso.

Per cui, concludendo, non possiamo che confermare quanto detto all' inizio :

NON C'E' NIENTE DI PIU' IDIOTA che aprire l' alimentatore per 
"vedere se è bruciato il fusibile" !!!!

Se poi per curiosità volete aprire l' alimentatore per vedere come è fatto dentro (possibilmente dopo aver staccato la spina dalla presa...), nessuno lo vieta. Può essere una utile esperienza. Però non apritelo per "vedere se è bruciato il fusibile".


Copyright © elma srl. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 24/07/12 .