INFORMAZIONI TECNICHE

L'alimentatore AT-ATX
L' alimentatore AT

 

Vediamo, allora, in particolare che forma prende l' alimentatore del PC.

Come è costruito un alimentatore PC- AT

Perchè partire dall' AT ? Perchè nei concetti essenziali la struttura ATX, più complessa, ricalca quella AT, più semplice. E non è un caso che vari dei primi alimentatori ATX non sono stati che una revisione minima di precedenti modelli AT a cui erano aggiunte le funzioni mancanti come patches.

In pratica i PC AT sono stati i primi personal computer prodotti in massa ed in cui si sono imposti alcuni standard, sia ufficiali che di fatto. Tra questi anche il formato dell' alimentatore. Prima di allora la situazione era molto più varia e le soluzioni costruttive erano demandate alla abilità ed alla fantasia (troppo spesso eccessiva e contro la quale non si parlerà mai abbastanza) dei vari progettisti, con il risultato che il prodotto della casa X non era sostituibile a quello della casa Y, a causa della forma meccanica, dei connettori diversi, ecc.

Il mercato stesso, nel tempo,  ha corretto la situazione e si è arrivati ad buon grado di standardizzazione, sia meccanica che elettrica, delle parti che costituiscono il sistema : teoricamente è possibile sostituire l' alimentatore prodotto da YY  con quello prodotto da XX senza problemi, il che è certamente una buona cosa.
Non è che le incompatibilità siano cessate completamente : ancora adesso, a parte i problemi legati al time-to-market, capita che dall' ufficio studi (UCAS, più che altro...) escano bizzarrie varie, ma per lo meno l' utente dispone di una buona base di prodotti realmente intercambiabili. 

Questo è un tipico alimentatore per PC AT, visto dal lato che si affaccia sull' esterno del case.

Si nota la presa per il cavo che lo collega alla rete ed una presa ausiliaria, solitamente usata per alimentare il monitor. Tra le due, in rosso, il cambia tensione per adattarlo al mercato USA (110V) e Europa (230V). Questo può non esserci per prodotti adatti ad un solo mercato o per quelli ad ampio spettro di alimentazione, ad esempio 96-240V.

Il raffreddamento dei componenti elettronici interni è compito della ventola posta accanto alle prese.

Lato esterno, quello affacciato sul retro del case, di un tipico alimentatore AT.

Il raffreddamento dei componenti elettronici è compito della ventola posta accanto alle prese.

Sul coperchio (in questo caso) è applicata l' etichetta con la tabella dei dati caratteristici dell' apparecchio.Sul lato si nota l'etichetta gialla che indica i collegamenti del cavo dell' interruttore di accensione (non visibile, perchè esce dal lato interno assieme ai cavi delle varie tensioni.)

 

Vediamo ora nel dettaglio le varie parti accessibili.
Queste descrizioni dettagliate hanno valore anche per gli alimentatori AT, per cui, dove risultano analoghe, non verranno ripetute nelle pagine dedicate a questo standard.

 


Copyright © elma srl. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 08/01/08 .