INFORMAZIONI TECNICHE

L'alimentatore AT-ATX
ATX all' esterno


L' alimentatore ATX


Anche esternamente si presentano del tutto simili, tanto che, senza osservare con cura alcuni particolari, possono essere facilmente confusi. Questa somiglianza è dovuta principalmente alla necessità di occupare lo stesso volume fissato dallo standard e in secondo luogo, dalla stretta somiglianza delle funzioni svolte.

Ecco un alimentatore tipico ATX.

In questo particolare modello  sono presenti due ventole di circolazione dell' aria, ma possono anche essercene di più, in quanto, rispetto agli AT, la potenza trattata mediamente è maggiore e quindi è richiesto un raffreddamento più deciso.

Una differenza che balza immediatamente all' occhio è la mancanza dell' interruttore di accensione, che è in AT si trova in fondo ad un breve tratto di cavo; per lo standard ATX non ha più senso.

Analogamente, manca la presa ausiliaria, che pure non avrebbe funzione particolare

Comunque, la configurazione del lato esterno dell' alimentatore ATX è uno standard solo per le dimensioni, mentre al costruttore viene lasciata la massima libertà nella scelta di cosa metterci. Sono possibili tutte le combinazioni immaginabili tra presa ausiliaria, interruttore e cambiatensione; di certo c'è solo la presenza della presa per il cavo di rete. Anche la ventola, come posizione e numero, può assumere configurazioni differenti, come vedremo più avanti.
La presenza delle varie parti dipende dal progetto del costruttore :

  • la presa ausiliaria solitamente è omessa, per le ragioni che vedremo più avanti. E' presente sui modelli più anziani, ma su quelli più recenti è ben difficile trovarla
  • il cambia tensione può esserci, con la classica commutazione 110/230, ma può benissimo non essere presente, sia perchè l' alimentatore è previsto per l' impiego con una sola tensione, ad esempio 230V, sia perchè ha un range di operatività esteso (100-240Vca) per cui è inutile, come capita nei prodotti più recenti
  • l' interruttore può esserci oppure no, a seconda della decisone del costruttore. 
  • la ventola di raffreddamento può essere affacciata sul pannello posteriore, ma può anche essere posta altrove; oppure anche non esserci nei modelli Zero-noise


Ecco alcuni esempi :

- presa di rete
- presa ausiliaria
- cambiatensione
- ventola da 80mm

niente interruttore
    - presa di rete
- interruttore
- ventola da 80mm

niente presa ausiliaria
niente cambia tensione
- presa di rete
- presa ausiliaria
- cambiatensione
- interruttore
- presa di rete
- cambiatensione
- ventola da 80mm

niente presa ausiliaria
niente interruttore
- presa di rete
- cambiatensione
- interruttore
- ventola da 80mm

niente presa ausiliaria

- presa di rete
- ventola da 80mm

niente presa ausiliaria
niente cambia tensione
niente interruttore

Attenzione perchè la presenza o la mancanza di una delle parti citate non è un indicatore di qualità : un alimentatore di bassa qualità può benissimo avere l' interruttore, mentre un eccellente professionale no e viceversa. 

Perché sull'alimentatore ATX non c'é la presa di rete per i circuiti ausiliari ?

Sull' alimentatore ATX non é presente la presa ausiliaria che si trova normalmente sugli alimentatori AT . Abbiamo visto che, nella struttura dell'alimentatore AT-PS/2, l'accensione e lo spegnimento sono effettuati con un interruttore che agisce separando tensione di rete, sia verso l'alimentatore che verso la presa ausiliaria, che si trova quindi in parallelo all' ingresso dell'alimentatore, a valle dell'interruttore stesso e dipende da questo .
Nel sistema ATX, l'interruttore di rete é un optional di sicurezza, potrebbe anche non essere presente ; esiste per questioni di sicurezza e di comodità .
Questo perché l'alimentatore ATX deve essere sempre attivo per essere avviato
e spento con un pulsante o un comando remoto gestito dal software. Quindi non avrebbe alcuna utilità disporre di una presa ausiliaria sempre collegata alla rete; al massimo potrebbe fare la funzione di una ciabatta, ma non certo quella di comandare un carico collegato, a meno di aggiungere complicazioni circuitali al di fuori dello standard  di costruzione del prodotto, cosa che nessun costruttore ha mai implementato.

Per curiosità, per chi volesse comandare un carico esterno in conseguenza dell' accensione del PC (o di un qualsiasi altro apparato elettrico), esistono  dispositivi ad hoc da collegare sul cavo di alimentazione.

Nella foto a lato, un alimentatore assai simile al precedente, ma dotato di un interruttore.

Da osservare che l' interruttore AT era, in molti casi, esterno all' alimentatore per poter essere fissato sul pannello frontale del PC, dato che serviva per accenderlo; oppure, in altri modelli desktop, si trovava in modo da sporgere sul fianco.

L' interruttore ATX si trova invece sul retro del PC e quindi in una posizione in cui azionarlo è molto scomodo. Questo proprio perchè non è previsto per essere azionato se non in casi particolari.

Premendo questo l'interruttore NON SUCCEDE NIENTE !

Oh bella ! e perchè? 
Semplicemente perchè questo interruttore NON ha la funzione di avviare l' intero alimentatore, ma semplicemente lo collega o scollega dalla rete. Per avviare l' alimentatore ATX occorre agire su un particolare circuito detto Power-On e che proviene dalla scheda madre. 

Questa è la principale differenza tra AT e ATX.

Vediamo di capirne di più.

Va tenuto presente che quando metto su ON questo interruttore, non è che non succeda nulla; succedono molte cose, che però non sono direttamente visibili. Chiudendo questo interruttore :

  1. la tensione di rete è collegata all' alimentatore. Vengono alimentati il filtro EMI, il ponte raddrizzatore e i condensatori a monte dello switch primario. Anche questo è alimentato, ma non essendo attivo il controller PWM, non è in funzione e non produce le tensioni che avviano la scheda madre e i dischi. Neppure quella per la ventola interna.

  2. invece viene alimentato il generatore della tensione Vstby che immediatamente genera il +5V. Se la scheda madre è collegata, le sue parti dipendenti da Vstby saranno pure alimentate. Ovvero, anche se non vedo ventole in movimento, una tensione sulla scheda madre c'è comunque

Vale la pena di ricordarsi questo fatto importante.

Quindi l' interruttore NON serve per avviare o spegnere il PC : questo dovrà essere fatto attraverso il sistema operativo, pena danni al sistema operativo stesso o la perdita di dati. L' interruttore serve a staccare dalla rete il computer senza dover togliere la spina. Ritorneremo più avanti con altre informazioni sull' argomento.

 


Copyright © elma srl. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 16/01/08 .