INFORMAZIONI TECNICHE Standard

Standard di Comunicazione

Il collegamento del PC con il resto del mondo attraverso il telefono deve avvenire secondo certe modalitÓ stabilite da standard internazionali che permettono l' interscambio dei dati sulle reti mondiali . Questi standard sono stabiliti da associazioni internazionali , tra cui le pi¨ importanti sono ITU e CCIT

I vari standard sono identificati da un nome che inizia con una lettera seguita da un numero . Vediamo le caratteristiche dei pi¨ noti .

V.110

Questo standard definisce il modo di collegare un dispositivo ad una linea ISDN . Normalmente impiegato in Giappone e in Europa , mentre negli Stati Uniti il suo equivalente Ŕ il V.120.

V.120

Questo Ŕ l equivalente del V.110 in uso negli Stati Uniti

V.21

Questo standard identifica una modalitÓ di trasmissione a 300 bps , di tipo full duplex , sincrono o asincrono . La trasmissione dei dati avviene con il metodo della modulazione per spostamento di frequenza FSK (Frequency Shift Keying) a due punti. Riguarda principalmente le trasmissioni fax .

V.22

Come V.21 , ma relativo ad una trasmissione a 1200 bps , di tipo full duplex , sincrono o asincrono . Anche in questo caso la trasmissione dei dati avviene con il metodo della modulazione per spostamento di frequenza FSK (Frequency Shift Keying) , ma a quattro punti.

V.22bis

Come V.22 , ma per una velocitÓ di 2400 bps con possibilitÓ di discesa ( fall back) a 1.200 bps . La trasmissione Ŕ nella modalitÓ a modulazione d’ampiezza in quadratura a 16 punti.

V.23

Il protocollo V.23 interessa modi di trasmissione a 1.200/1.200 bps o 600/600 bps nel funzionamento a quattro fili , 1.200/75 bps o 75/1.200 bps o 75/600 bps o 75/75 bps nel funzionamento a due fili , sia sincrono che asincrono , con modulazione FSK.

V.24

Questa specifica Ŕ , in sostanza , una definizione per i segnali di interfaccia per terminali dati (DTE) e per dispositivi di trasmissione  (DCE).

V.26

Come V.22bis per uso su linea a quattro fili con modulazione a quattro fasi ; Ŕ inteso per l impiego su linee dedicate .

V.26bis

Come V.26 per per l uso su linee pubbliche (commutate) in modalitÓ  half duplex sincrona , con modulazione differenziale a quattro fasi.

V.26ter

Come V26bis , sia per rete commutata che dedicata , a due fili , in modo full duplex, sincrono, modulazione differenziale di fase ; Ŕ prevista la soppressione dell’eco ,

V.27

La velocitÓ massima Ŕ 4.800 bps con possibilitÓ di fall back a 2.400 bps ; Ŕ previsto per uso su linea dedicata a quattro fili , in modalitÓ full o half duplex sincrona , con modulazione differenziale a otto fasi.

V.27bis

Come V.27 , con modulazione differenziale a otto fasi sui 4.800 bps ed  a quattro fasi sui 2.400 bps.

V.27ter

Come V.27bis , per uso su rete pubblica commutata  . Riguarda principalmente le trasmissioni fax .

V.29

La velocitÓ Ŕ 9.600 bps con possibile fall back a 7.200 bps o 4.800 bps . V.29 Ŕ previsto per l impiego su linea dedicata con modulazione d’ampiezza in quadratura (QAM) a sedici punti.
Riguarda principalmente le trasmissioni fax .

V.32

Le  velocitÓ possibili sono 9.600 / 4.800 / 2.400 bps (con fall back a 4.800 bps) . V.32 Ŕ previsto per l impiego su rete pubblica commutata o su linea dedicata , full duplex, sincrono e asincrono con soppressione dell’eco. La modulazione e del tipo d’ampiezza in quadratura (QAM) a sedici o trentadue punti, codifica differenziale Trellis .
E uno dei degli standard principali a cui sono conformi i modem per PC .

V.32bis

E l evoluzione del V.32 , previsto per modem full duplex asincroni ad alta velocitÓ ; sono ammessi 14.400/12.000/9.600/7.200/4.800   bps ,con o senza la correzione automatica degli errori.

V.32ter

Evoluzione del protocollo V.32bis con la possibilitÓ di arrivare a 19.200 bps.

V.34

Prevede velocitÓ da 28.800 a 2400 bps per trasmissioni in modalitÓ full duplex asincrona ,  con o senza correzione automatica degli errori. . E lo standard per i modem a 28.8k

V.34+

E’ un’evoluzione di V.34 per la velocitÓ massima di 33.600 bps . Questo standard non Ŕ stato introdotto da una commissione internazionale , ma da un costruttore (US-Robotics) come definizione per i propri prodotti ; attualmente V.34+ Ŕ diventato uno standard di fatto seguito da tutti i produttori di modem .

V.42

E’ un protocollo di correzione  automatica di errore  .

V.42bis

E’ un protocollo per la compressione dei dati .

V.80

E il protocollo per la video conferenza su linea commutata . 

V.90

E il pi¨ recente protocollo per i modem a  57.600 bps (56K)

H.223

E riferito alle applicazioni di video conferenza per trasmettere audio e video su un singolo canale che rimanga entro i limiti della banda passante possibile su una linea pubblica (commutata) , limiti dati dalla struttura della rete e dei mezzi di trasmissione . 

H.245

Anche questo standard riguarda le applicazioni di teleconferenza , anche su  ISDN tipo B (Broadband ISDN) .

H.261

Definisce gli algoritmi di compressione e decompressione video per video conferenza su linea ISDN

H.263

Analogo a H261 , definisce uno standard di compressione e decompressione video in tempo reale per le applicazioni di video conferenza su linea commutata tradizionale e su Internet .

H.323

Anche questo riguarda le applicazioni di video conferenza su rete locale e su Internet .  H.323 consente anche la trasmissione di voce, dati e video su una rete locale e quindi pu˛ essere usato con le normali schede di rete e hub . Il protocollo principale Ŕ l’IP che permette la trasmissione multicast ,con il protocollo UDP, pi¨ efficiente del TCP .

H.324

Anche H.324 riguarda la video conferenza su linea telefonica ordinaria.  Fa riferimento ad altri standard come H.263 , G.723 , H.245, H.223 , V.80

G.723

Un algoritmo per compressione e decompressione dell’audio nella trasmissione in video conferenza su normali linee telefoniche e su  ISDN .

 


Copyright ę elma srl. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 08/06/06.