INFORMAZIONI TECNICHE

Le ventole del PC 
Assiale e tangenziale

 

Assiale e tangenziale

Esistono due tipologie di ventola, a seconda di come entra ed esce l' aria : assiali e tangenziali (o centrifughi).

Queste denominazioni sono relative alla direzione di uscita del flusso dell'aria : nelle ventole assiali, come dice il nome, l' aria esce in asse con la ventola; nel tipo radiale l' aria esce a 90 gradi rispetto all' asse della ventola.
In sostanza si tratta solamente di diverse tipologie di costruzione, per adattare meccanicamente le ventole alle più diverse situazioni.
Esempio di classica ventola assiale : l' aria entra ed esce parallele all' asse attorno a cui girano le pale.

E' il tipo di ventola più usato nel personal computer

Esempio di ventola tangenziale (o radiale o centrifuga) : l' aria esce a 90 gradi rispetto all' asse di aspirazione, che è quello attorno a cui girano le pale.

Solitamente si tratta di ventole con una discreta portata ed un numero di giri elevato, adatte a far circolare aria in spazi di basso spessore, come ad esempio cassetti rack.

Esistono poi altre categorie di ventole, raramente o per nulla usate nel PC. Si può segnalare per curiosità il tipo detto "diagonale" :  solitamente si tratta di ventole di grosse dimensioni, impiegate dove è necessario muovere masse consistenti di aria, sull' ordine dei 270 mcubi /ora, ad esempio nel raffreddamento di armadi rack.

Il principio di funzionamento, la forma, le dimensioni, le caratteristiche tecniche dipendono dall' impiego a cui è destinata la ventola. 
Il colore nero non è uno standard, ma dipende semplicemente dal materiale plastico che viene comunemente usato; infatti esistono ventole in plastiche di altri colori oppure in metallo.

 

Esempio di ventola tangenziale, accanto alla quale è posta la parte rotante che è stata estratta,

Osservare la particolare forma a cestello delle pale, tipo "gabbia di scoiattolo", posizionate in gran numero sulla periferia di un cilindro. Le pale sono in numero maggiore di quelle del tipo assiale, ma hanno ciascuna una superficie minore.

Come per ventole assiali, il motore è contenuto nella parte centrale del cilindro ed è realizzato nello stesso modo che sarà descritto più avanti.

Percorso dell' aria nella ventola tangenziale : l' aspirazione avviene al centro, in asse con la parte rotante, mentre l' aria in uscita, data la forma particolare delle pale, è ruotata di 90 gradi. Questo permette di far scorrere l' aria nelle più varie situazioni. 

Solitamente nelle ventole tangenziali si ricerca la portata d' aria piuttosto che la silenziosità.

La forma delle ventole tangenziali può variare parecchio a seconda dello scopo per cui sono state progettate. In questo esempio si tratta di uno "slot cooler" ovvero di una ventola da inserire in uno degli slot di espansione del case per raffreddare la scheda vicina, ad esempio una "calda" VGA.

Si hanno anche soluzioni in cui con una ventola a pale di tipo assiale si ottiene un azione tangenziale, guidando l' aria in uscita con sagome opportune.

Nell' esempio a lato è presentato il flusso dell' aria in un sistema di raffreddamento per dischi rigidi : l' aria è movimentata da una girante con pale del genere assiale, che aspirerebbe e scaricherebbe l' aria lungo una stessa retta. Però, a causa della forma del supporto, una volta fissato al disco, si crea un canale che costringe l' aria ad uscire ruotata di 90 gradi, dopo aver lambito la superficie del disco stesso.
Da osservare che, trattandosi di una ventola di spessore  molto ridotto, per ottenere una sufficiente efficienza, le pale sono in numero di 9, rispetto alle 5 o 7 comuni.

In genere, le uniche ventole presenti in un personal sono quelle assiali, per cui la maggior aprte degli esempi e delle descrizioni verterà su qyuesta tipologia.

Troviamo le ventole nel PC essenzialmente per incrementare l' efficienza del raffreddamento di CPU, chip grafici, chipset e componenti elettronici "caldi", come alimentatori, dischi rigidi e masterizzatori. Inoltre sono impiegate per far circolare aria nello chassis.

Vediamo ora maggiori dettagli.

 


 

Copyright © elma  Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 09/03/07.