INFORMAZIONI TECNICHE

PFC
Il mito


PFC : il mito

A partire dal gennaio 2001, l' Unione Europea (UE o EU) ha reso attiva una normativa che prevede l' obbligo di correzione del fattore di potenza per gli apparecchi elettronici con potenza maggiore di 75W  (in relazione al contenuto di armoniche secondo le specifiche EN 61000-3-2). In Cina, principale produttore di elettronica consumer, il governo ha reso obbligatoria  la correzione del fattore di potenza per tutti gli apparati utilizzati nelle proprie istituzioni, mentre per ora il Giappone ha allo studio il problema e gli USA paiono i meno sensibili alla cosa.
Quindi, anche in Italia, il problema della correzione del fattore di potenza, che fino al dicembre 2001 era fatto assolutamente ignoto ai più e di competenza esclusiva dei addetti ai lavori o di professionisti elettrotecnici, è diventato argomento di conversazione tra gli appassionati del PC.

Queste pagine si sono rese necessarie per dissipare la foschia creata dalle solite dis-informazioni presenti in rete, informazioni per lo più buttate lì da persone veramente poco competenti o peggio, che hanno il solo risultato di confondere le idee di chi le recepisce. Questo diventa molto evidente nel caso di problematiche il cui contenuto tecnico si trova al di fuori delle conoscenze scolastiche non specifiche.

Ad esempio, è il caso dell' ormai noto PFC, sconosciuto alla stragrande maggioranza degli utenti PC fino all' introduzione di una normativa restrittiva da parte dell' Unione Europea ed inizialmente magnificato da una propaganda che, non avendo altro di nuovo su cui parlare, lo ha gabellato (ed ancora lo presenta) come panacea di tutti mali progettuali del PC. 

Si leggono, quindi, assurdità come :

 "Il PFC attivo migliora la stabilità della tensione

oppure 

"Questa tecnologia ... altera la forma d'onda della corrente in ingresso e conduce a diversi effetti benefici:... prolungamento della vita utile dell'apparecchio, maggiore stabilizzazione della tensione di uscita" e via straparlando.

Sembrano le grida degli imbonitori da fiera ! E, sfortunatamente, lo sono...

Internet , se da un lato è fonte di informazione ormai difficilmente sostituibile, dall' altro lo è anche di non-informazione, se non di vera disinformazione. Per cui su siti che si dichiarano competenti (autocertificazione !) ad effettuare "test" su vari prodotti e ad emettere giudizi relativi, si trovano delizie del genere :

"Questo alimentatore è di tipo Active PFC (Power Factor Correction), ovvero in grado di ripartire il carico dell'alimentatore sulle varie linee in base alle esigenze del sistema", teoria degna di una nomination al premio Ignobel.

Oppure si viene a sapere con sorpresa e gioia che l' alimentatore "implementa il PFC (Power Factor Correction) attivo così da ridurre al minimo qualsiasi tipo di interferenza elettrica", meglio del parafulmine.

Inoltre il PFC è indispensabile "rendendo idoneo" il fortunato alimentatore ed il suo ancor più fortunato possessore"ad essere utilizzato per sistemi "ALWAYS ON" (sempre accesi) e per le pratiche di overclock" (probabilmente confuse con le pratiche negromantiche !).

E ancora che, incredibile, ma vero : "particolarmente utile è la protezione PFC, ovvero "correzione fattore potenza" che consente all'alimentatore di adattare automaticamente il voltaggio operativo" (sic !!!). 

e non si capisce perchè ci si ostini a non comperare immediatamente "questo alimentatore" che "si avvantaggia anche della tecnologia PFC, che, come ricorderete dalle precedenti spiegazioni, controlla i picchi di corrente erogata, offrendo così una protezione base alle periferiche",  meglio di una assicurazione !

E ci fermiamo qui, con questa minima raccolta delle boiate pazzesche che vengono ammannite con noncuranza saccente, non solo su siti commerciali, ma anche su siti che si auto-definiscono di "test" e che si trasformano poi in discussioni deliranti sui forum, attorno ai temi più gettonati delle superstizioni tecnologiche correnti.

Vediamo, allora, se possibile, di chiarire un po' meglio la situazione.

 


 

Copyright © elma srl. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il 13/06/06 .